Armare Ropes, le nostre cime per la regata, la crociera e l'ormeggio

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

  HArmareRopes

ARMARE ED ECOLOGIA:

Sin dalla sua costituzione Armare ha intrapreso una politica aziendale volta al rispetto del territorio in cui è nata e continua ad operare

tutelando l'ambiente, non solo in merito alla sua operatività interna, ma anche valutando rigorosamente i materiali di produzione secondo attenti concetti di ecosostenibilità e di ecocompatibilità. Tutte le decisioni aziendali vengono prese ponendo sempre massima attenzione al concetto di responsabilità sociale. Il rispetto delle persone e dell'ambiente è segno di un alto profilo etico che il brand Armare ha incorporato, garantendo serietà e responsabilità. La media di riciclo della catena produttiva Armare è superiore al 96%. NIENTE VA DISPERSO Recupero differenziato e riciclo totale delle fibre e dei ritagli di produzione. Recupero differenziato e riciclo totale della carta, cartone ed imballaggi con base cellulosa del legno. Recupero differenziato e riciclo al 90 % degli imballaggi in plastica. Riutilizzo totale dei pallet in legno ricevuti dalle materie prime per la spedizione del prodotto finito. I pallet non idonei alle spedizioni vengono destinati ad aziende specializzate nel recupero del legno. Riutilizzo totale dei pallet in plastica per la movimentazione interna delle merci.

Simuliamo la scelta di una cima da usare come drizza su un fast cruiser crociera / regata di 42 piedi:

Supponiamo di dover realizzare la drizza randa per una baca a vela "fast cruiser" di 42' che partecipa spesso a regate e che viene utilizzata anche come barca da crociera. Riteniamo indispensabile debba essere di ottima qualità, cioè con alto carico e basso allungamento, per non costringere l'equipaggio a continue regolazioni. Partendo da queste considerazioni e comprese le caratteristiche di tutti i prodotti, decidiamo di scegliere un articolo della "Racing Line", che garantisca prestazioni ottime per il tipo di barca e per il nostro utilizzo, puntando su una cima con anima in Dyneema® SK75. Fare attenzione alle sigle distintive di ogni prodotto in quanto esistono tre tipi di anime in Dyneema® SK75. Le tre tipologie sono ben diverse fra loro ed illustrate separatamente nel catalogo. Esaminando più a fondo il Dyneema® SK 75 HPS + PU rileviamo che ha l'anima trecciata in fibra Dyneema® SK75, trattata con la speciale prestiratura a caldo HPS ed impregnata con il coating Poliuretanico denominato in breve PU. La treccia ottenuta permette di scalzare una parte della drizza, per renderla più leggera e più scorrevole sulle pulegge, in quanto l'anima è stata compattata dai due trattamenti sopraccitati (N.B. per essere scalzata basterebbe il PU che protegge le fibre dall'abrasione e le mantiene legate fra loro). Trattandosi di una drizza, quindi utilizzata su stopper e winch, è fondamentale scegliere una costruzione a doppia treccia. Visto che fra tutte le manovre a bordo, la drizza randa è quella che ha il più basso numero di movimentazioni; riteniamo quindi che la calza PET, cioè in Poliestere Alta Tenacità, sia una scelta corretta. Normalmente lo stopper presente in barca ci da già un riferimento del diametro di cima che dovremo scegliere e così anche il selftailing del winch, programmato per accogliere un certo diametro. Nel nostro caso il diametro corretto sarà il 10 mm.

PER UN PREVENTIVO GRATUITO

INVIACI UNA E-MAIL 

banner-infografica-vela