Venerdi' 1 Maggio - Presa di terzaroli come si deve!!!

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Non smettero' mai di dire che il Dufour 38 di Stefano e' proprio una bella barca!!!! Sicura, robusta, veloce e marina, questi sono gli aggettivi infatti che secondo me una barca a vela deve avere sempre.

Oggi e' in programma un' uscita verso dove non si sa', l'importante e' navigare!!

Verso le 11.30 ora tarda dovuta alla fila di auto, in viaggio per il ponte del 1 Maggio, arrivano Stefano e consorte + Bianca. Giusto il tempo di rimettere la drizza del Gennaker, portata via esclusivamente con lo scopo di ammorbidirla e lavarla un po' e con la piena riuscita dell' intento, infatti la drizza legata al testimone e' rientrata dentro l'albero e tornata al suo posto come se fosse nuova!, e' stato quindi il momento di mollare gli ormeggi e salpare.

Usciti dal porto ci siamo diretti un po' a largo per issare le vele, prima su la randa, poi e' stata la volta del genoa e via verso Sud con una tramontana decisa e un mare piatto perfetto per navigare.....

Bianca che deve imparare a portare quel bestione di 12 metri si e' messa con non poco timore al timone, infatti con tutte le vele su' non e' facile tenere la barca quando le classiche raffiche della tramontana arrivano, ma staorzata dopo straorzata dopo poco l'intrepida Bianca ha preso il controllo di Gazzarra concentrandosi sulla rotta da seguire, cosi' correzione dopo correzione e' stata la volta della prima virata.

Bene, la virata sarebbe anche riuscita, ma il caso ha voluto che durante la manovra il vento girasse di 90° circa, facendoci comicamente ritrovare quasi nella stessa andatura ma con le mura opposte...un rapido sguardo all' orizzonte ha reso chiaro il tutto... Verso Punta Ala erano visibili alcune crestine bianche che minuto dopo minuto si moltiplicavano sempre di piu', in questi casi non ce' altro da fare che ridurre vela ovviamente, la breve lezione sulla presa dei terzaroli infatti e' durata giusto il tempo di prendere 2 mani sulla randa e rollare un po' il fiocco prima che la raffica di maestrale investisse la barca.

Il mare ha cominciato a gonfiare, e il vento a soffiare forte. Tutto normale ovviamente da queste parti infatti quando la tramontana non lascia subito spazio al maestrale, quest' ultimo entra con un po' piu' di impeto, ma il tutto e' destinato a calare dopo 40 minuti, un' oretta.

Le condizioni ormai piu' ardue per le nostre nuove marinaie che non devono assolutamente spaventarsi, ma appassionarsi alla vela erano diventate proibitive per fare lezione, infatti la rotta questa volta era il porto ad alcune miglia, la barca che era piu' che stabile ha dato prova delle sue prestazioni portandoci davanti al porto in sicurezza e molto velocemente.

La lezione di oggi e' servita piu' che una giornata intera di vento calmo, infatti il cambio di vento, il prendere le mani di terzaroli per tempo sono cose che se non vengono provate sulla propria pelle, nessun libro o manuale o esempio potra' mai farci capire.

Tempo di rientrare in porto, ormeggiare la barca, prendere un caffe' e fumare una sigaretta e il vento come avevamo detto era di nuovo stabile, leggero solo che proveniva da NW, come volevasi dimostrare.

Vi lascio con le foto della giornata augurandovi
BV.

 

 

 

banner-infografica-vela